Giornata Azzurra in Val d’Aosta, il bilancio di Aosta

Nell’ambito del Progetto Azzurro, si è svolta ad Aosta la Giornata Azzurra in Val d’Aosta.

Si sa, il problema maggiore della Val d’Aosta è il numero dei tesserati. Una specificità sicuramente oggettiva viste le dimensioni della Regione. Un problema che non influenza, né sminuisce però, l’entusiasmo dei ragazzi che giocano a basket.

Mercoledì 10 maggio ad Aosta si è tenuta la Giornata Azzurra con il clinic integrato a cui hanno partecipato i tecnici federali Antonio Bocchino e Maurizio Cremonini e il preparatore fisico Alessandro Giusiano.

Protagonisti i ragazzi dal 2000 al 2002: “Hanno un entusiasmo contagioso – è il commento di Bocchino – una spirale positiva che spero coinvolga i tecnici. I ragazzi ce l’hanno messa tutta ed è stata una magnifica esperienza. Certo sanno che devono lavorare, ma hanno la giusta voglia”.

“Le giornate azzurre sono sempre intense – afferma Raffaele Romano, responsabile tecnico territoriale – e portano, grazie ai tecnici federali, tecniche di allenamento importanti, che spero possano essere da stimolo per un salto di qualità di società, giocatori ed allenatori”.

“Le qualità di Bocchino e Cremonini sono note ed indiscutibili. Spiace dover notare però, – constata il delegato regionale FIP Mario Vietti – che non tutte le società hanno colto l’importanza di questo tipo di incontri e hanno perso un’occasione di arricchimento. E’ anche ovvio, e qui faccio anche autocritica, che il Comitato Regionale debba trovare nuove strategie per coinvolgere tutti. In ogni caso gli allenatori c’erano tutti, la Giornata Azzurra è stata interessante e ha saputo dare un importante contributo alla nostra crescita.”

 

Fonte e © photo: FIP

The following two tabs change content below.