Week 15: La continuità di Moretti, la risalita di Lever

Fra Moretti, Lever e Caruso, un recap all’insegna della precisione nel tiro da tre punti.

TEXAS TECH SUL VELLUTO, MORETTI SEMPRE PRESENTE – Una settimana semplice per la squadra di Chris Beard che ha liquidato Oklahoma State e Baylor rispettivamente di 28 e di 25 punti. I Red Raiders sono ora secondi nella Big 12, appena davanti a Iowa State (record 8-4), alla pari con Kansas (9-4) e immediatamente dietro a Kansas State (9-3). Con cinque partite ancora da giocare, la corsa al titolo di regular season è apertissima: per Texas Tech sarà cruciale vincere il match di sabato con Kansas.

In tutto questo, Davide Moretti non ha mancato di far sentire il proprio apporto, distribuendo 8 assist contro i Cowboys (nuovo career-high) e poi piazzando 17 punti contro i Bears. In settimana, il Moro è stato particolarmente preciso dalla linea dei tre punti (7/12 in totale) ma la continuità del suo contributo offensivo abbraccia un periodo ben più lungo: da inizio gennaio ha chiuso 12 gare su 14 in doppia cifra realizzativa mostrando buonissima efficienza, sia in quanto a gestione del pallone (2.06/1 nel rapporto assist-perse e 7 gare senza turnover) che al capitolo tiro (una sola partita sotto il 40% dall’arco).

Le prestazioni al tiro di Moretti fra il suo anno da freshman e quello da sophomore (fonte: Hoop Math)

LEVER, SEGNALI DI RIPRESA – Grand Canyon ha interrotto una striscia negativa di tre partite battendo nettamente Chicago State. GCU è sempre seconda nella WAC ma il terreno perso rispetto a New Mexico State è troppo per pensare a una rimonta con appena quattro gare da giocare: Aggies a quota 11-1, Lopes 8-4. Ci vorrebbe un miracolo, un tracollo clamoroso da parte di NMSU.

Da parte di Alessandro Lever, più dei 16 punti contro la squadra-materasso della conference, sono stati significativi i 20 segnati in casa di UMKC nella partita precedente. In ombra nel primo tempo insieme al resto della squadra (con la notevole eccezione di un Michael Finke da 36 punti), il bolzanino ha sfoderato una ripresa travolgente (18 punti) che ha aiutato la rimonta di GCU dal -15 di fine primo tempo. Il suo canestro clutch a 26″ dalla fine non è però stato sufficiente per evitare i supplementari, risultati poi letali per la formazione di Phoenix. Il contributo a tutto tondo fornito nel secondo tempo ci ha mostrato un Lever nel complesso molto più incisivo rispetto a quello soggetto a diversi alti e bassi fra gennaio e febbraio. A onor di cronaca, va anche sottolineato come il suo tiro dalla distanza non abbia conosciuto crisi da inizio febbraio: 13/21 (61.9%) dall’arco nelle ultime cinque uscite. Roba invidiabile per chiunque, figurarsi per un lungo.


CARUSO RISCOPRE IL TIRO DA TRE – Vi avevamo già detto come Guglielmo Caruso fosse tornato ad allontanarsi dal canestro nelle sue ultime uscite. Nella partita vinta con Pacific, la sua mira è stata letale: 3/4 dall’arco in una serata particolarmente buona per la sua Santa Clara (11/24 da tre) chiudendo infine a quota 15 punti, sua quarta gara in doppia cifra fra le ultime cinque disputate. Un gioco offensivo più variegato e simile a quello cui eravamo abituati a vedere in Italia: la fiducia di Caruso è in crescita così come la qualità delle prestazioni dei Broncos. La formazione di Herb Sendek occupa ora il 5° posto nella West Coast, una posizione che rappresenta perfettamente il tetto massimo di questa squadra, non solo per quel che recita il bilancio vinte-perse ma anche in quanto a qualità generale: San Francisco, BYU e Saint Mary’s sembrano continuare ad avere una marcia in più. Gonzaga? Non parliamone nemmeno…


BRAVI MA DELUSI – Dopo un periodo di forma non ottimale, Ethan Esposito è tornato ad avere un impatto rilevante in uscita dalla panchina per Sacramento State. Dopo due vittorie interne, la squadra si è però lasciata sorprendere da una formazione abbordabilissima come Northern Arizona: la risalita verso la metà alta della Big Sky appare compromessa ora.

Gabriele Stefanini va sempre in doppia cifra (nonostante percentuali da tre bassissime, per lui inusuali) ma non basta a Columbia per evitare la sesta sconfitta consecutiva e l’ultimo posto nella Ivy League. Contro Brown, due liberi di Gabe avevano tenuto accese le speranze dei Lions nel finale ma il tiro per il sorpasso sulla sirena (da oltre 10 metri) del bolognese ha trovato solo il ferro.

Anche Micheal Anumba ha sfoderato un ottimo losing effort nell’ultima partita giocata da Winthtrop. La sconfitta con Gardner-Webb pesa come un macigno. Gli Eagles in teoria sono ancora lanciati all’inseguimento di Radford nella Big South ma la distanza fra le due è piuttosto netta: una vittoria di Winthrop nello scontro diretto di giovedì potrebbe non bastare per ribaltare la situazione.


I tabellini della settimana

(ordine alfabetico per giocatore)


  • Micheal ANUMBA − Winthrop (#2 Big South 9-4, Stagione 17-9)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
W 93-85 vs Presbyterian 26 5 1/1 0/1 3/4 5 2 - - 2 1
L 64-60 at Gardner-Webb 24 14 3/6 2/4 2/2 5 - - - 1 1

Stagione (26 gare): 23.3 minuti, 7.0 punti (46.8% al tiro, 69.7% ai liberi), 4.2 rimbalzi, 1.6 assist


  • Guglielmo CARUSO − Santa Clara (#5 West Coast 6-7, Stagione 14-13)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 66-55 vs Saint Mary's 26 6 1/1 1/4 1/2 6 - 1 - 3 4
W 64-59 vs Pacific 33 15 2/3 3/4 2/4 5 1 3 - 3 2

Stagione (27 gare): 20.6 minuti, 6.1 punti (56.4% al tiro, 63.0% ai liberi), 4.0 rimbalzi, 0.8 assist, 1.0 stoppate


  • Mattia DA CAMPO − Seattle (#8 WAC 1-9, Stagione 13-12)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 59-44 at UT Rio Grande Valley 33 7 3/5 0/1 1/2 6 3 - - 4 3
L 59-53 at New Mexico State 33 5 1/4 1/2 0/3 6 - - - 3 5

Stagione (23 gare): 12.6 minuti, 2.3 punti (45.9% al tiro, 60.9% ai liberi), 2.7 rimbalzi


  • Giovanni DE NICOLAO − UT San Antonio (#2 C-USA 9-5, Stagione 15-12)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 78-71 at Southern Miss 28 4 0/1 1/2 1/2 3 1 1 - 2 5
L 72-67 at Louisiana Tech 39 2 1/3 0/2 0/2 8 4 - 1 2 3

Stagione (27 gare): 31.1 minuti, 7.0 punti (34.5% al tiro, 68.4% ai liberi), 4.7 rimbalzi, 3.7 assist, 1.4 recuperi


  • Ethan ESPOSITO − Sacramento State (#9 Big Sky 5-9, Stagione 11-12)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
W 78-67 vs Portland State 19 16 6/10 -/- 4/5 6 2 1 1 1 1
W 84-73 vs Southern Utah 25 9 3/6 -/- 3/4 6 - - - 2 3
L 78-66 vs Northern Arizona 17 11 4/6 -/- 3/4 5 - - - 1 2

Stagione (23 gare): 16.2 minuti, 9.0 punti (49.3% al tiro, 76.6% ai liberi), 4.6 rimbalzi


  • Alessandro LEVER − Grand Canyon (#2 WAC 8-4, Stagione 15-10)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 87-75 OT at UMKC 37 20 4/7 3/7 3/4 6 2 - - 2 5
W 90-59 at Chicago State 26 16 2/3 4/6 -/- 7 2 - 2 - 3

Stagione (25 gare): 25.1 minuti, 13.0 punti (45.3% al tiro, 73.9% ai liberi), 4.2 rimbalzi, 1.5 assist


  • Davide MORETTI − Texas Tech (#2 Big XII 9-4, Stagione 21-5)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
W 78-50 at Oklahoma State 25 9 0/1 3/4 -/- 2 8 - 1 - -
W 86-61 vs Baylor 33 17 0/1 4/8 5/6 - 2 - 1 - 1

Stagione (26 gare): 30.0 minuti, 10.9 punti (48.3% al tiro, 91.4% ai liberi), 1.8 rimbalzi, 2.5 assist, 1.2 recuperi


  • Federico POSER − Elon (#10 Colonial 4-10, Stagione 8-19)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 84-74 vs William & Mary 10 2 1/2 -/- -/- 1 - 1 - 4 2

Stagione (25 gare): 14.7 minuti, 3.8 punti (53.7% al tiro, 55.0% ai liberi), 2.6 rimbalzi, 0.8 assist


  • Gabriele STEFANINI − Columbia (#8 Ivy League 1-7, Stagione 6-16)
GAME MIN PTS 2P 3P FT REB AST BLK STL TO PF
L 70-64 vs Yale 32 14 4/11 0/5 6/6 4 3 - 3 2 2
L 65-63 vs Brown 37 16 3/6 1/6 7/8 8 4 - 1 1 2

Stagione (22 gare): 31.6 minuti, 13.6 punti (42.4% al tiro, 75.4% ai liberi), 4.8 rimbalzi, 3.8 assist, 1.7 recuperi


© photo: David Kadlubowski | gculopes.com