FIBA U19 World Cup: L’Italia vince facile con l’Iran, 64-45

L’Italia batte nettamente l’Iran nel secondo match dei Mondiali U19. Domani giorno di riposo prima d’incontrare gli USA nella terza partita del Girone D.

Secondo successo in altrettante partite per l’Italia ai Mondiali U19 in corso al Cairo. Dopo la sofferta vittoria all’overtime con l’Angola, gli azzurri di coach Andrea Capobianco superano l’Iran con largo margine (64-45) creando il distacco decisivo durante il terzo quarto. Per la formazione italiana, si sono messi in evidenza Tommaso Oxilia (16 punti e 13 rimbalzi in 31′), David Okeke (15 punti, 6 rimbalzi e 4 assist in 30′) e Lorenzo Penna (11 punti, 7 rimbalzi, 6 assist e 3 recuperi in 27′). Riccardo Visconti è l’unico azzurro a non aver fatto ingresso sul parquet, a riposo dopo l’infortunio alla caviglia occorso ieri.

Nei primi venti minuti l’Italia si tiene costantemente in vantaggio. A difesa schierata, specialmente durante il primo quarto, gli azzurri portano sempre molta pressione sugli esterni iraniani – grazie al lavoro svolto da ali e lunghi – il che basta e avanza per contribuire, direttamente o meno, al gran numero di perse avversarie (15 nel primo tempo).

In attacco, i ragazzi di Capobianco soffrono percentuali dal campo decisamente basse (10/31, ossia il 32.3% all’intervallo lungo) ma riescono a cavarsela riempiendo di falli gli avversari. Oxilia, che di solito non eccelle dalla lunetta, mette a segno un buon 6/8 complessivo ed è, con 8 punti, il miglior marcatore azzurro al termine dei primi due quarti.

Chiuso il primo quarto sul 19-11, verso la fine del secondo il match vive una fase assai confusa e l’Italia vede l’Iran ritornare stabilmente intorno al possesso di distanza (sprecando anche l’occasione del pareggio). Proprio nelle ultimissime azioni, però, una tripla dal palleggio di Denegri e un floater di Penna restituiscono un discreto margine di vantaggio agli azzurri: 30-22.

Nel terzo quarto, l’Italia scava il solco decisivo che segna gli equilibri dell’incontro. Caruso e Okeke inaugurano la frazione facendosi trovare pronti in post basso; poi i loro compagni proseguono l’opera attaccando l’area avversaria come se fosse burro. Dopo aver toccato anche il +20, gli azzurri chiudono il quarto in vantaggio sul 51-35.

Nella prima metà dell’ultimo periodo, Capobianco concede nuovamente spazio alle seconde linee: l’Italia perde un po’ la presa sull’incontro, vede l’Iran riavvicinarsi ma restando sempre abbondantemente sulla doppia cifra di distacco. Il rientro in campo delle prime linee rimette in carreggiata la squadra e i canestri di Denegri, Penna e Pajola segnano l’8-0 che porta l’Italia sul massimo vantaggio (64-43, -2’08”). La partita si chiude infine sul 64-45.

Domani giornata di riposo per gli azzurri che torneranno in campo martedì 4 (alle 16:00) per affrontare gli USA nell’ultimo match del Girone D.

 

Italia-Iran 64-45 (19-11 / 11-11 / 21-5 / 13-10)
ITALIA: Penna 11, Simioni 2, Caruso 6, Pajola 3, Visconti ne, Denegri 7, Bucarelli, Mezzanotte 4, Massone, Okeke 15, Antelli, Oxilia 16
IRAN: Pourkavehdehkordi 7, Bahram Zad 4, Shahravesh 2, Azari 13, Jafari 2, Samadi 2, Rezaeifar 4, Rezaei 2, Kamalvand NE, Gholami, Khandanpoor 9, Abedi Jabali

 

 

© photo: fip.it