Sconfitte a testa alta per Akele e Vercellino

Akele perde contro Duke e Vercellino con Arizona, Zilli pochi minuti ma buoni nella vittoria contro Siena. Poco spazio, stavolta, per Ulaneo.

Sconfitte a testa alta per Akele e Vercellino, impegnati con compagini di livello altissimo. Zilli, confermato in quintetto, porta il suo mattoncino nella vittoria coi Siena Saints. Seattle vince ma ci sono pochi minuti per Ulaneo mentre Da Campo resta seduto in panchina.


ARIZONA 71-55 NORTHERN COLORADO

Northern Colorado gioca al massimo delle proprie possibilità, resta in partita per circa 35 minuti ma infine deve arrendersi al cospetto di Arizona, una delle migliori squadre di tutta la NCAA (#8 della AP Top 25 di questa settimana). Nella splendida cornice di un McKale Center vicinissimo al tutto esaurito (oltre 14mila spettatori presenti) i Bears giocano senza troppi timori reverenziali, mettono in campo una difesa a zona efficace abbastanza da intaccare i meccanismi dell’attacco Wildcats e riescono a chiudere il primo tempo in vantaggio per 31-30. La reazione dei padroni di casa è graduale ma inesorabile, Northern Colorado resta aggrappata alla partita coi canestri di Jordan Davis (20 punti e 5 assist) e di Chaz Glotta (15 punti con 5/11 da tre) ma l’uno-due firmato da Ristic e Allen (63-53, -4’11”) fa presagire una sconfitta inevitabile. Arizona chiude la partita in fuga, facendo coincidere il suo massimo vantaggio col punteggio finale: 71-55.

Non molti minuti per Roberto Vercellino, anche se partendo – come sempre ormai – nel quintetto iniziale . Il torinese tocca pochi palloni in attacco, pur compiendo sempre buone scelte. Durante il primo tempo si segnala in positivo per un piazzato da tre punti e un bel bounce pass da play navigato. Apre il secondo periodo con un’infrazione di passi molto ingenua. Poco dopo esce dal campo e non rientrerà più, dato che coach Linder deciderà di giocarsela con lunghi più atletici come Edwards e Sylla.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Vercellino 13 3 0/1 1/1 - 1 - - 1 - -

DUKE 75-65 RHODE ISLAND

Niente da fare per Rhode Island nella finale dell’HOF Tip-Off Tournament. Duke è squadra complicatissima da affrontare: i Blue Devils, senza straripare, fanno la partita in pratica dall’inizio alla fine pur contando diverse assenze eccellenti.

Più spazio per Nicola Akele rispetto al match precedente, nelle solite vesti da buon gregario che raramente gli permettono lampi offensivi di rilievo.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Akele 14 - 0/1 - - 4 1 - - - 1

UNC ASHEVILLE 92-80 SIENA

Seconda vittoria consecutiva per UNC Asheville alla prima partita casalinga della stagione. Incontro sempre condotto dai Bulldogs, con cinque giocatori in doppia cifra di cui, curiosamente, tre in uscita dalla panchina.

Giacomo Zilli parte in quintetto e gioca un match in versione microwave, segnando molto e in poco tempo: tre suoi canestri di fila portano la sua firma nell’allungo iniziale dei padroni di casa. Ciononostante, resta in campo per soli dieci minuti, facendo spazio al lungo Alec Wnuk, entrato dalla panchina e autore di una prova particolarmente brillante: 16 punti (career-high), 6 rimbalzi e 4 assist in 27 minuti.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Zilli 10 9 3/4 - 3/4 1 - 2 1 - 1

SEATTLE 81-75 LOUISIANA MONROE

Ai Redhawks occorre un supplementare per riuscire ad avere la meglio su Louisiana Monroe, college della Sun Belt. Per Seattle, prova mostruosa del gigante inglese Aaron Menzies (221 cm d’altezza): 35 punti e 11 rimbalzi. In doppia-doppia per punti e rimbalzi anche l’ala William Powell (22+10).

Nelle rotazioni ristrette di coach Dollar (sette uomini in campo), Scott Ulaneo fa il suo ingresso nella prima metà della frazione iniziale ma senza riuscire a incidere in modo particolare. “DNP” per l’altro ex stellino Mattia Da Campo.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Ulaneo 10 - 0/1 - - 2 1 - 3 - 2

 

© photo: twitter.com/unco_mbb

Riccardo De Angelis

Su ITALHOOP mi occupo soprattutto di raccontare gli italiani impegnati in college e high school americani. Scrivo anche per i siti Basketball Ncaa e Sportando.