De Nicolao flirta con la doppia-doppia ma non basta a UTSA

Giocano tutti in trasferta gli italiani impegnati nella notte: vittoria per Zilli, sconfitte per De Nicolao (-20), Ulaneo e Da Campo (dopo 2 OT).

Solo trasferte per gli italiani impegnati nella notte. UNC Asheville (3-2) trova la terza vittoria consecutiva e la seconda fuori casa in stagione. UT San Antonio (1-4) e Seattle (2-3) continuano a restare a secco di successi lontano dalle mura amiche.


FURMAN 58-64 UNC ASHEVILLE

Partita equilibrata e dalle percentuali al tiro bassissime (38.5% dal campo per Furman, 35.2% per UNC Asheville). I Bulldogs inseguono a lungo ma negli ultimi cinque minuti riescono a spuntarla grazie ai canestri del freshman MaCio Teague, top scorer dell’incontro con 22 punti. Furman, dal canto suo, paga a carissimo prezzo le troppe palle perse (20-11 il conto finale) e i tanti viaggi in lunetta concessi (UNC Asheville chiude con un 20/27 ai liberi contro l’11/13 dei padroni di casa).

Solita partenza nello starting five ma con pochi minuti per Giacomo Zilli, in campo soprattutto nella fase iniziale e in quella finale del primo tempo. Inizia la partita in maniera poco usuale per un lungo, con 3 assist in meno di 5 minuti: due dalla linea del tiro libero a servire il compagno sotto canestro (apprezzabile quello per il backdoor di Vannatta) e uno scarico sulla linea dei tre punti per il piazzato di Teague. Per il resto, in attacco si mangia un paio di canestri piuttosto facili mentre in difesa fa il suo.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Zilli 12 2 1/4 - - 2 3 - 1 - 2

LAMAR 78-58 UT SAN ANTONIO

Lamar domina la parte iniziale dell’incontro (17-4 dopo poco più di 7′). Costretta a inseguire, UTSA riesce bene o male a restare in scia, portandosi anche sul -3 nel secondo tempo (43-40, -12’25”) ma deve infine arrendersi dinanzi a un ispiratissimo Nick Garth, 24 punti (6/12 da tre) in 25 minuti uscendo dalla panchina.

Match, nel complesso, molto ben interpretato da parte di Giovanni De Nicolao. Nel primo tempo prende molte conclusioni ma la mano è fredda (2/7 dal campo) mentre nel periodo successivo la mira è più precisa. Regala alcuni bei momenti – come un coast-to-coast concluso con la mano sinistra o un canestro pescato con un ottimo spin move – ma soprattutto mostra di avere il polso della partita: detta ritmi con sicurezza e serve ben 8 assist sfruttando linee di passaggio di diverso tipo, anche se il meglio lo dà sempre in campo aperto. Deve lasciare anzitempo il campo per falli, dopo averli spesi quasi tutti negli ultimi minuti dell’incontro (due di questi, va detto, appaiono perlomeno dubbi).

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
De Nicolao 32 9 3/7 1/3 - 3 8 1 3 - 5

EASTERN WASHINGTON 80-76 SEATTLE

Ai padroni di casa di Eastern Washington servono due supplementari per avere la meglio su Seattle, la quale rimane con l’amaro in bocca dopo aver sprecato diversi match point. Gli ospiti sembrano sul punto di poterla vincere alla fine del primo supplementare, grazie al +3 realizzato da Means con un 2/2 ai liberi, ma ci pensa l’ucraino Bliznyuk a gelare i Redhawks con la tripla del pareggio a 4″ dalla fine. Nel secondo OT, Seattle tocca anche il +5 (65-70, -2’31”) ma subisce una raffica di tiri da tre degli Eagles: ben quattro bombe in meno di due minuti per il 77-73 (-25″). Pur con scarsa mira (3/6), Eastern Washington porta al sicuro il successo dalla linea della carità per l’80-76 finale.

Molto spazio per Scott Ulaneo che però rimane a secco di punti (0/3 dal campo). Ancora una volta, dà un contributo molto sostanzioso a rimbalzo: è il giocatore che cattura più carambole per Seattle (4 difensive e 4 offensive) a pari merito con Westendorf. In difesa lo si vede impegnato in marcatura sia sul perimetro che in area. In attacco rischia qualcosa quando prova a servire il pallone in post basso mentre è bravo, in un’occasione, a scaricare il pallone sulla linea dei tre punti dopo una penetrazione più da esterno che da lungo.

Mattia Da Campo, nelle vesti di ball handler, ha assaggiato il parquet per poco più d’un minuto a ridosso dell’intervallo, giusto il tempo di “sporcare” il suo tabellino personale con un assist per Westendorf e una persa dal palleggio.

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Ulaneo 25 - 0/1 0/2 - 8 1 1 1 - 4
- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
Da Campo 1 - - - - - 1 - 1 - -

 

© photo: Ryan Pelham

Riccardo De Angelis

Su ITALHOOP mi occupo soprattutto di raccontare gli italiani impegnati in college e high school americani. Scrivo anche per i siti Basketball Ncaa e Sportando.