Season-high di Vercellino. Colpaccio UTSA contro Old Dominion

Roberto Vercellino in doppia cifra all’ultima partita della stagione. La squadra di De Nicolao sorprende ODU alla vigilia del torneo di conference.

Northern Colorado

I Bears – che devono scontare un anno di ban da ogni torneo di post-season – chiudono la propria stagione strappando due vittorie interne con margine ridotto, prima contro Portland State (87-84) e poi contro Sacramento State (70-67). Proprio all’ultima partita, Roberto Vercellino riesce a produrre un bel exploit personale al termine d’una annata piagata da una condizione fisica tutt’altro che ottimale e che avrebbe anche potuto imporgli un anno di stop da redshirt, come affermato da coach Jeff Linder. L’ex Virtus Bologna, nel primo tempo, infila le due triple che permettono a Northern Colorado di andare all’intervallo sul +6. Nella prima metà della ripresa, ispira il controparziale Bears (sotto di 5 dopo i primi quattro minuti del secondo tempo) con tre canestri consecutivi in poco più d’un minuto. Molto importante, infine, anche una sua rubata a 2’37” dal termine che spezza il momentum favorevole agli Hornets, i quali infine cadono sotto i colpi di DJ Miles (16 punti), autore degli ultimi 9 punti dei padroni di casa.

Roberto VERCELLINO

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
vs PRST 4 - - - - - 1 - - - -
vs SAC 21 13 3/4 2/2 1/3 5 - 1 - - 2

Rhode Island

Sempre aperta la striscia di vittorie consecutive (ora cinque) di URI, la quale chiude la regular season ottenendo il seed numero 4 all’imminente torneo dell’Atlantic 10. I ragazzi di coach Dan Hurley non hanno problemi nello sbarazzarsi, in trasferta, di Saint Joseph’s (68-49). Poi, tornati sul parquet di casa, trovano un altro successo in stagione contro Davidson al termine d’un incontro tiratissimo e risoltosi solo dopo un tempo supplementare (73-70) grazie alle fiammate clutch di E.C. Matthews (18 punti) mentre Hassan Martin e Kuran Iverson chiudono entrambi con una doppia-doppia per punti e rimbalzi (21+17 il primo, 17+11 il secondo). Pochissimi minuti per Nicola Akele che però non sfigura affatto, energico e quasi impeccabile in difesa (solo una sbavatura non punita da Peyton Aldridge su un blocco per un tiro da tre), mentre in attacco mostra un pezzo di repertorio raramente eseguito: palla a terra di mano sinistra, penetrazione e scarico vincente per un canestro da sotto di Stan Robinson.

I Rams hanno ancora qualche speranza di partecipare al Torneo NCAA ma sarà importante far bella figura al torneo di conference.

Nicola AKELE

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
@ SJU 11 7 1/2 1/1 2/2 1 1 1 1 1 3
vs DAV 5 - - - - - 1 - - - 1


Seattle

I Redhawks chiudono la stagione regolare con una sconfitta in trasferta (61-54) contro Utah Valley, irrilevante ai fini della classifica essendo già certi di dover affrontare proprio i Wolverines nel primo turno della WAC. Alla vincitrice, l’arduo compito di vedersela con CSU Bakersfield in semifinale.

Mattia DA CAMPO

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
@ UVU 4 - - - - - 1 - 1 - -

Scott ULANEO

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
@ UVU 14 4 2/3 0/2 - 2 1 - - - 1


St. John’s

Stavolta il Garden non porta fortuna e i Red Storm chiudono la regular season con una sconfitta per mano di Providence (86-75) al termine d’un incontro che è sempre rimasto saldamente fra le mani degli ospiti. Nel primo turno del torneo della Big East, i Johnnies se la vedranno con Georgetown, squadra che hanno battuto recentemente grazie a una gran serata di Ponds e Mussini.

Federico MUSSINI

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
vs PROV 17 8 0/1 1/6 5/5 2 1 - 1 - 1


UNC Asheville

I Bulldogs speravano di poter replicare il successo dell’anno passato ma i loro sogni di back-to-back nel torneo della Big South sono svaniti subito con l’eliminazione ai quarti di finali per mano di Campbell (81-79), trascinata dalla prova mostruosa del piccolo (175 cm) playmaker Chris Clemons (51 punti), autore d’un torneo straordinario ma che non ha potuto evitare la sconfitta ai suoi Camels nella finale disputatasi ieri contro la favorita Winthrop (76-59). Proprio il successo finale della seed numero 1 potrebbe aprire qualche spiraglio per UNC Asheville (seed 2) affinché possa essere selezionata per l’NIT, ovvero il secondo torneo nazionale di post-season.

Giacomo ZILLI

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
vs CAM 4 - 0/1 - - 1 - - 1 - -

UT San Antonio

La squadra texana chiude la stagione regolare con una sconfitta dolorosa e una vittoria insperata a distanza di pochi giorni l’una dall’altra. Contro Charlotte, nel finale punto a punto, un canestro da sotto di Giovanni De Nicolao (-38″) e una sua rubata con assist in contropiede per la schiacciata di George Willborn (-8″) regalano il +3 ai Roadrunners. Negli ultimi secondi, le squadre si scambiano viaggi in lunetta: i 49ers fanno 2/2, UTSA solo 1/2. L’errore ai liberi risulta fatale perché lascia abbastanza tempo a Jon Davis per mettere un’incredibile tripla sulla sirena per il 76-75 finale.

Due giorni dopo contro Old Dominion – una delle migliori squadre della C-USA – tutto va come meglio non potrebbe, coi Roadrunners che riescono ad imporsi con un nettissimo 73-55 grazie ai 24 punti di Jeff Beverly e all’ispiratissima giornata al tiro da tre di Lucas O’Brien e di Gino Littles (8/16 insieme) che chiudono la propria partita segnando rispettivamente 17 e 13 punti.

UT San Antonio si presenterà al torneo di conference col seed numero 9 e affronterà Western Kentucky al primo turno. La squadra di coach Steve Henson ha già affrontato una volta gli Hilltoppers in stagione, rimediando una netta sconfitta (81-66) in trasferta.

Giovanni DE NICOLAO

- MIN PTS 2PT 3PT FT REB AST STL TO BLK PF
vs CHA 31 12 3/9 2/5 0/1 1 3 3 2 - 3
vs ODU 29 6 2/5 0/1 2/2 2 6 1 1 - 2

 

© photo: uncbears.com

Riccardo De Angelis

Su ITALHOOP mi occupo soprattutto di raccontare gli italiani impegnati in college e high school americani. Scrivo anche per i siti Basketball Ncaa e Sportando.