Ansia esasperata: Tyrell Terry racconta perché si è ritirato dalla NBA a soli 22 anni

Vivere di sport in maniera esagerata può fare veramente male.

E’ stato a metà dicembre, dopo quasi due anni dalla sua prima partita in NBA e a soli 22 anni, che Tyrell Terry ha annunciato il suo ritiro. La 31esima scelta del Draft 2020 aveva deciso, come spiega in una intervista a Sports Illustrated, di “lasciare andare questo sport che ha plasmato così tanto la mia identità” dopo aver vissuto “alcuni dei momenti più bui della mia vita. Tanto che invece di costruirmi, ha cominciato a distruggermi.

Se digiti il ​​mio nome su Google, probabilmente vedrai questo ‘ex atleta che ha lasciato il suo sport per problemi di salute mentale’. Ma quando ho letto i messaggi privati ​​che le persone mi hanno inviato (tra gli altri il padre di Tobias Harris e Trae Young, ndr), e ho ricevuto telefonate da genitori di atleti che stanno vivendo anche loro queste difficoltà, sono stato toccato dalle loro parole gentili.”

E’ noto che alcune stelle della NBA come Kevin Love e DeMar DeRozan soffrono di problemi simili ma riescono comunque a voler proseguire la loro carriera. Perché questo giovane giocatore ha preso una decisione così drastica, quella di lasciare così presto, per motivi di ansia? Forse, se il suo talento naturale gli ha permesso di raggiungere, la sua volontà stava andando da un’altra parte.

Fin da giovane avevo già sacrificato cose, che forse volevo internamente, per il basket e per chi mi circondava. Sono sempre stato il miglior giocatore, quindi non ho avuto a che fare con le dinamiche di squadra come essere in squadra o meno, figuriamoci lavorare per ottenere il tempo di gioco. Quindi è stato facile per me superare i passaggi anche se non ero totalmente dentro di esso.”

Aprile 2020: pandemia di Covid-19. Draft rinviato a novembre: lunghi isolamenti e solitudine nel prepararsi all’evento per realizzare “un sogno d’infanzia”. Terry pensa che in quei mesi si sia rotto il meccanismo, e e né l’arrivo in NBA con i Mavericks né le prime partite invertiranno la tendenza. I suoi ricordi di quel periodo.

Anche se sapevo che sarebbero successe grandi cose, mi sono davvero stancato e mi sono davvero esaurito durante questo processo. Non vedevo più questo sport come un’arte. Non era più qualcosa che mi piaceva. Era più qualcosa per cui nutrivo risentimento.”

Durante la sua prima stagione nel campionato NBA, la vita quotidiana del giocatore diventa dolorosa. Col tempo, l’ansia aumenta e la nausea è quotidiana. Non può andare in palestra ad allenarsi senza prima vomitare. La sola idea di calpestare il parquet gli provocava attacchi di panico. Evoca “una sensazione di schiacciamento” durante la quale è “difficile prendere fiato.

Avevo molti soldi e attenzioni intorno a me, quindi ho iniziato a chiedermi perché ero ansioso. Non avevo motivo di essere triste, non meritavo di essere infelice. E di fronte alla pressione sociale dell’essere un uomo, non volevo apparire tenero.”

La contraddizione esplode definitivamente. I Mavericks gli offrono uno psicologo (Terry teme che voglia solo invitarlo a tornare in campo senza risolvere il problema). Nemmeno i farmaci sembrano essergli d’aiuto. Un tentativo con Memphis e due gare giocate sono un fallimento. Il consiglio dell’agente di lasciare aperta una porta alla G-League cade nel vuoto. Abbandonare il mondo del basket è stata quindi la soluzione migliore. E ora, a 22 anni?

Tornare all’università e studiare filosofia. “L’idea che tutti finiamo per morire e che siamo solo piccole persone in un grande universo, è qualcosa che voglio esplorare. E poi, fondamentalmente, tornare a Stanford non è un cattivo piano B.”