St. John’s se la gioca con Xavier ma cede per 90-83

Una delle migliori St. John’s viste quest’anno se la gioca a lungo sul campo di Xavier, ma non basta. Mussini 7 punti in 22′.

Xavier (8-2 in Big East) vince ancora, St. John’s (0-10) perde ancora: questo il responso del campo che, però, ha visto due squadre esibirsi in una partita piacevole da vedere e inaspettatamente equilibrata.

Xavier (numero 6 del AP Top 25) ha condotto quasi costantemente il match senza, però, mai raggiungere la doppia cifra di vantaggio. St. John’s, infatti, ha giocato un’ottima pallacanestro in attacco, con circolazione di palla e controllo del gioco raramente visti quest’anno.

Il primo tempo si era chiuso sull 38-36 per Xavier, il cui tentativo di allungo nella parte finale della frazione (36-29, -1’28”) era stato vanificato dall’ottima reazione dei Red Storm, capaci di piazzare un 7-2 di parziale negli ultimi 56”.

Il secondo tempo si apre con due triple nel giro dei primi 60” da parte di St. John’s (Mvouika prima, Ellison poi) che si ritrova così sul +4. Le due squadre si ritrovano punto a punto per diversi minuti, con continui pareggi e sorpassi da ambo le parti. L’ultimo pareggio avviene a -12’52” con un layup di Mvouika su assist di Mussini. La pronta risposta di Kaiser Gates (56-54, -12’31”) riporta i Musketeers in vantaggio: di lì in poi lo conserveranno fino alla fine della partita pur senza trovare la zampata che possa fiaccare le speranze di St. John’s. I ragazzi di coach Mullin lottano fino all’ultimo, ritrovandosi anche sul -4 con 34” da giocare, ma infine devono arrendersi dinanzi alla superiorità dei padroni di casa: Xavier vince infine per 90-83.

Per i Musketeers è stata fondamentale la prestazione di Myles Davis, miglior scorer della squadra con 16 punti, tutti messi a segno nel secondo tempo. Da segnalare la doppia doppia di Trevon Bluiett (15 punti e 13 rimbalzi) che però ha tirato con un rivedibile 4/14 dal campo.

St. John’s ha sognato a lungo l’upset giocando molto bene di squadra e godendo di alcune prestazioni individuali di spessore, in particolare quelle di Felix Balamou (20 punti con 8/12 al tiro), Durand Johnson (18 punti) e Kassoum Yakwe (14 punti, 7 rimbalzi e 5 stoppate).

Partita in chiaroscuro per Federico Mussini. Il reggiano, partendo dalla panchina ha contribuito con 7 punti messi a segno, però, con solo 2 canestri su 9 tentativi dal campo (1/6 nel primo tempo), soffrendo spesso la fisicità degli avversari.

Questo il suo boxscore: 7 punti (1/4 da due, 1/5 da tre, 2/2 ai liberi), 1 rimbalzo, 1 assist, 2 recuperi e 1 persa in 22 minuti.

St. John’s tornerà in campo sabato 6 (alle 22:30 ora italiana) per affrontare Butler.

 

© photo: redstormsports.com

Riccardo De Angelis

Su ITALHOOP mi occupo soprattutto di raccontare gli italiani impegnati in college e high school americani. Scrivo anche per i siti Basketball Ncaa e Sportando.